I professionisti del cibo


Su internet c’è molta confusione su quale sia il professionista in campo alimentare più adatto alle proprie esigenze e quali siano le differenze tra nutrizionista, dietista e dietologo.

Prima di addentrarci in questa differenziazione e capire a chi affidare la nostra salute, capiamo perché è importante richiedere una visita nutrizionale da uno specialista, piuttosto che accontentarsi di una dieta fai da te. La tentazione di aprire Google e digitare le parole “come perdere 10 kg in 10 giorni” potrebbe essere allettante, ma vi assicuro che i risultati non sarebbero buoni: troppo spesso online (e non solo) si trovano diete “delle star”, che durano il tempo di un’estate e spesso portano più danni che benefici. Infatti molti regimi dietetici, soprattutto se restrittivi, possono causare una PERDITA DI PESO, non un dimagrimento (ovvero perdita di grasso). La riduzione di kili è dovuta principalmente al calo di massa magra (muscolo). Pertanto quando si deciderà di sospendere la dieta, il corpo tenderà ad accumulare soprattutto in tessuto adiposo e il punto finale sarà peggio di quello di partenza. Solo allora vi rivolgerete disperati ad un professionista nutrizionale che, con non poca fatica, dovrà trovare una dieta adatta a voi dopo tutti questi cambiamenti fisici e ormonali. Cerchiamo ora di fare un po’ di chiarezza, analizzando le similarità e le differenze tra i diversi ruoli, per capire chi vi può aiutare a migliorare lo stato di salute.

Nutrizionista. Professionista in possesso di laurea di cinque anni, iscritto nella Sez.A dell’Ordine Nazionale dei Biologi, che può svolgere la professione di Biologo nutrizionista in totale autonomia e firmare diete e consulenze nutrizionali. Le diete sono elaborate per:
• pazienti con condizioni fisiologiche e/o patologiche comuni (anemie, gravidanza, ipercolesterolemia, …)
• mense aziendali, collettività, gruppi sportivi, ecc… in relazione alla loro composizione ed alle caratteristiche dei soggetti (età, sesso, tipo di attività)
• pazienti con particolari condizioni patologiche in ospedali
• pazienti che godono di un buono stato di salute, ma che vogliono migliorare la loro composizione corporea

Nonostante non sia necessaria la prescrizione del dottore per la prima visita, è fondamentale avere un rapporto con il medico di base del paziente, al fine di stabilire la giusta terapia. NON PUO’ PRESCRIVERE FARMACI, MA PUO’ CONSIGLIARE INTEGRATORI. (Art. 3 della legge 24.5.1967, n. 396)

Dietista. Professionista sanitario in possesso di laurea triennale, iscritto all’Albo dei Dietisti e che può elaborare diete solo se prescritte dal medico, sia per soggetti sani che malati. Le categorie di pazienti o gruppi di persone a cui può prescrivere una dieta, è il medesimo dei nutrizionisti. **NON PUO’ PRESCRIVERE FARMACI, MA PUO’ CONSIGLIARE INTEGRATORI (DM 2/4/01 MIUR – Suppl. Ord. alla G.U. n.128 del 5/6/2001, all.3, classe 3). **

Dietologo o medico nutrizionista. È un medico, con laurea in Medicina e Chirurgia e specializzazione di 4 anni in Scienze dell’Alimentazione. Rientra nella competenza del dietologo la valutazione clinica, la diagnosi, il trattamento e l’elaborazione delle diete. PUO’ PRESCRIVERE FARMACI E INTEGRATORI.

Quindi come scegliere un professionista del cibo?

In effetti a questa domanda non c’è una risposta univoca, generalmente se non si soffre di patologie particolari e si vuole cercare di avere uno stile di vita migliore, si possono contattare dietisti e nutrizionisti, mentre in caso di patologie più complesse e obesità grave, consiglio di contattare un dietologo o un nutrizionista.

About Alessandra Spadaro

Dott.ssa Alessandra Spadaro, biologa nutrizionista AA 083258. Esercito la professione a Rimini e sono convinta che la dieta debba essere colorata e debba rendere felici gli occhi e la pancia. Amo cucinare ricette light e dai giusti abbinamenti nutrizionali, condividendo le ricette sui social.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *