OrdinataMente

  • Blog
  • About
  • Contact me

Stuoia Protettiva: sveliamo l’arcano

Fuori da ogni mia aspettativa, ricevo ogni mese numerose e-mail con le domande più disparate riguardanti differenti generi di stuoia protettiva / terapeutica in commercio. Una stuoia è un dispositivo che, posto sotto al materasso o sotto le coperte, dovrebbe in qualche modo far bene alla nostra salute. E’ evidente che siamo di fronte ad un fenomeno piuttosto importante e che questo genere di prodotti iniziano ad esercitare un fascino particolare sulle persone, dopo un periodo iniziale di scetticismo.

Personalmente collaboro con una seria azienda che produce, fra le altre cose, anche sotto-materassi protettivi. Per questo motivo, prima di scrivere questo articolo, mi son chiesto seriamente se le informazioni in mio possesso non fossero di parte e ho cercato di essere il più imparziale possibile.

(Aggiornamento: non vendo più questo prodotto)

Esistono molti tipi di stuoie protettive.

Partiamo dal presupposto che le stuoie in commercio possono avere caratteristiche anche molto diverse fra loro ed essere state ideate per proteggere da fenomeni dannosi differenti. Parlare esclusivamente di “Stuoia protettiva” è perciò assai riduttivo.

Esistono stuoie che proteggono da generici campi elettromagnetici, nodi di Hartmann (vedi mio articolo qui) e geopatie. Altre sono ricoperte di magneti a campo stabile, altre ancora sono veri e propri dispositivi in grado di generarecampi magnetici pulsanti e altre sono filati di fibra di carbonio, argento, e rame. Tecnologie diverse per affrontare problematiche diverse. Insomma, ne abbiamo per tutti i gusti!

Ma quali sono le priorità? Quale di queste tecnologie è la più importante per la nostra salute? Probabilmente una risposta certa non c’è, ma ognuno potrà farsi una propria idea analizzando bene le differenze fra le varie tipologie.

La stuoia per magneto-terapia

La stuoia per magnetoterapia è una stuoia che si pone solitamente fra il materasso e le doghe, o direttamente fra il materasso e le lenzuola, cui sono applicati dei magneti.

La magnetoterapia è un genere di terapia che è stata utilizzata in passato da egizi, cinesi, romani e alchimisti medievali. Consiste nell’applicazione sul corpo di un metallo magnetizzato, ovviamente composto da due poli, uno positivo e uno negativo. L’applicazione di magneti ha principalmente un effetto antidolorifico, anti-infiammatorio ed antibatterico. Più sarà alta la potenza dei dispositivi (100-300 Gauss, bassa intensità – 1000-3000, media intensità – 3000-15.000, alta intensità) maggiori saranno sia i benefici, sia gli effetti collaterali.

Il flusso magnetico penetra nella pelle per 2-6 cm, a seconda dell’intensità del dispositivo e non è privo di possibili effetti collaterali. Basta sbagliare l’applicazione dei poli ed il disastro è assicurato. Pertanto, è necessario applicare tali dispositivi sotto stretto controllo medico.

Questo genere di dispositivi, quindi, è a mio avviso da considerarsi sintomatico, visto che, se un disturbo infiammatorio è provocato, per esempio, da un campo elettromagnetico o da un problema immunitario, una volta terminata l’applicazione del magnete, il ciclo naturale di malattia non tarderà ovviamente a ripartire.

Personalmente ho provato diversi di questi prodotti e mi sono fatto l’idea che sia importante:

– Assicurarsi che il dispositivo che si intende acquistare sia un Dispositivo Medico (badate che la classe I è una classe auto certificata, dove il produttore dichiara, senza che nessun controllo sia stato effettuato, che il proprio dispositivo è privo di effetti collaterali)

– Valutare la possibilità di applicare un genere di anti-infiammatorio o antidolorifico tradizionali con l’idea poi di applicare un metodo per la risoluzione più profonda della patologia. Vale la pena spendere centinaia o migliaia di euro per abbattere un sintomo che può essere eliminato con farmaci o integratori alimentari sicuramente funzionanti,ma più economici, nell’attesa di risolvere il problema?

La stuoia per l’eliminazione dei batteri

La paranoia dei batteri è un topos dell’ultimo secolo. Per eliminare ancora più batteri e farci stare ancora meglio (?), hanno ideato una stuoia di fibra di argento che impedisce a certi generi di batteri di proliferare. Credevo avessimo un sistema immunitario…

La stuoia che “scarica” l’energia statica

Durante il giorno il corpo accumula naturalmente energia statica. L’elettricità statica è l’accumulo superficiale e localizzato di cariche elettriche. Un intenso campo magnetico statico (frequenza prossima a zero) può causare vertigini o nausea, un’alta frequenza può avere un effetto termico rilevante ed agire sugli equilibri interni della cellula, ma un campo elettrico ELF può dare origine al massimo ad un formicolio nella pelle, ad una vibrazione dei peli e a piccole scariche. Solo i alcuni casi a leggero stress e ipertensione.

Le stuoie ideate per eliminare questi disturbi, sono di solito composte di fibre metalliche di diversi generi (fibra di carbonio, per esempio).

Vale la pena spendere centinaia di euro (fra l’altro, per un prodotto che nel 90% dei casi si satura!) per abbattere queste cariche, quando per farlo basterebbero metodi molto più grezzi per “mettersi a terra”?

La stuoia che “ripolarizza” verso Nord

La stuoia che “ripolarizza” verso Nord, è una stuoia che abbatte l’elettricità statica tramite dei magneti. Semplicemente, in alcune frange culturali, “Nord” significa polo positivo e “Sud” polo negativo. Vedi le altre due sezioni sulle stuoie per la magnetoterapie e per “scaricare” l’energia statica.

La stuoia che protegge dai Nodi di Hartmann

I Nodi di Hartmann, tecnicamente, non esistono (provocatorio, non inondatemi di messaggi!). Per capire meglio, consiglio la lettura preliminare del mio articolo “Quello che non vi dicono sui Nodi di Hartmann“.

La stuoia anti-radiazioni gamma-ionizzanti

In tutto il mondo ci sono pochissimi dispositivi in grado di proteggere dalle radiazioni gamma-ionizzanti, un genere di radiazioni naturali misurabili, contatore Geiger alla mano, provenienti naturalmente dal sottosuolo ed estremamente dannose per la salute umana.

Le radiazioni gamma-ionizzanti sono cancerogene e proteggersi da questa fonte geopatogena, se presente in un luogo dove passiamo molto tempo o dormiamo, è fondamentale.